Sep 2, 2015

Bamboo Chair
Intertwining Craft
With Design

Pascal Gautrand
Bamboo Chair Intertwining Craft With Design

Bamboo Chair, Samuel Misslen. Photo credit: Samuel Misslen, Atelier[jes].

T

In occasione della seconda edizione di Révélations, le fiera dell'artigianato e della creazione al Grand Palais di Parigi, il designer francese Samuel Misslen presenta la Bamboo Chair, realizzata nell’ambito del progetto Hand in Hand.

 

Ciò che rivela l'intreccio di questa sedia, è soprattutto il dialogo armonico che esiste tra estetica e tecnologia, due approcci fondamentali per la creazione al servizio del design. La lavorazione del metallo, praticata dal designer francese Samuel Misslen, ha ispirato la lavorazione del bambù e la forma stessa della sedia.

Inoltre, il virtuosismo artigianale e l'ingegnosità tecnica del maestro artigiano taiwanese Lin Cheng-Jiang hanno ispirato al designer le gambe della sedia, il cui bambù è intrecciato a listelli che integrano la naturale eleganza di questo articolo di arredamento.

Samuel Misslen scopre la pratica della curvatura del bambù da Lin Jiang-Cheng, durante una residenza organizzata nel 2011 dall’associazione Hand in Hand sotto l’egida del National Taiwan Craft Research and Development Institute (NTCRI). Le stecche di bambù sono piegate utilizzando una pistola termica. Come per il metallo, la flessione assicura la longevità delle curve.

 

 

Nel campo del design, l'esplorazione della materia spesso dà vita a una nuova idea. Il lavoro di curvatura del bambù è anche all'origine del lettino firmato da Charlotte Perriand, realizzato in Giappone nel 1941, dopo il modello originale di metallo, sviluppato congiuntamente nel 1928 da Le Corbusier, Pierre Jeanneret e Charlotte Perriand.

 

Samuel Misslen conosce in maniera approfondita la lavorazione dei metalli, su cui si è formato attraverso la scultura. «I materiali che mi piacciono sono quelli che hanno una certa forza, una tensione interna che occorre contenere, allungare o torcere. Con il bambù, ho trovato le  stesse proprietà del metallo.» sostiene. Partendo da un modello di carta eseguita dal designer, l'artigiano immagina le gambe di bambù grezzo che sono divise in listelli per formare, con apparente semplicità, la struttura organica del sedile e dello schienale.

 

Hand in Hand, Taiwan, Bamboo Know-How
Révélations, Stand H1, Grand Palais
September 10-13, 2015

www.atelier-jes.com

> Back to the top
Pascal Gautrand

Pascal Gautrand

Made in Mazamet. Made in Town founder, consultant and teacher, he is graduated from the Institut Français de la Mode and used to be a boarder in the fashion design division at the Villa Medici in Rome. He develops a reflexion, mainly in the fashion field, about the manufacturing culture. His approach, oriented towards the promotion of know-how, expresses through writing, video and fashion design. As a consultant, he especially collaborates with Première Vision for the organization of Maison d’Exceptions: a dedicated area about fabric know-how within the show and for the online magazine Maison d’Exceptions whose he is editor.

Related posts

Tenthorey The Citizen Bag

Tenthorey
The Citizen Bag

Objets

Founded in 1906, Tenthorey, situated in Eloyes, Vosges and labeled Vosges Terre Textile, completes its weaving activity with a production of advertising bags made from natural materials.

French Trilogy Philippe Terrier-Hermann
Jun. 8, 2013

French Trilogy
Philippe Terrier-Hermann

Arts

From the model to the storyboard. Made in Town prolongs its reflection around cinematic creation, initiated by the exhibition Boîte à miracles, and welcomes Philippe Terrier-Hermann for the launch of La Trilogie française [The French Trilogy], a public commission of the National Center for Visual Arts and the Minister of Culture and Communication.

Aubusson The City of Tapestry

Aubusson
The City of Tapestry
[Made in Town TV]

Arts

In order to promote the know-how and characteristics of the tapestry from Aubusson, the county town of the French region of Creuse, Made in Town conducted a series of three documentary videos at the request of the International City of the Tapestry and Woven art, in partnership with l’Institut français de la mode and with the support of the Fondation d’entreprise Hermès.