08/gen/2018

Ensemble
Cécile Feilchenfeldt

Pascal Gautrand
Ensemble<br/>Cécile Feilchenfeldt

MOSTRA

ENSEMBLE
​CÉCILE FEILCHENFELDT

Dal 18 gennaio al10 marzo 2018
da martedì a sabato
dalle 14.00 a 19.00

Vernissage
giovedì 18 gennaio 2018
dalle 18.00 alle 21.00

Made in Town
58, rue du Vertbois
75003 Paris

Cécile Feilchenfeldt, designer di tessuti e maglieria, invita la fotografa Aurélie Cenno e il direttore artistico Vincent Giavelli a presentare Ensemble, che racconta oltre tre anni di collaborazioni visive. Edizioni, stampe fotografiche, poster ... la maglia vista alla luce di ogni suo filo!

È in Svizzera, suo paese natale, che Cécile Feilchenfeldt si forma. Ha studiato alla Zürcher Hochschule der Künste (ZHDK) di Zurigo, dove la sua creatività si è inizialmente sviluppata attraverso la grafica, prima di dedicarsi al design tessile. In questi primi anni, lo studio delle forme e delle proporzioni, l'armonia e le vibrazioni colorate servono da solfeggio. La precisione delle forme, il rigore delle linee, la composizione dei colori; non sorprende dunque che un tocco di grande maestria stia ora impregnando le sue creazioni che lei stessa lavora a maglia.

© Aurélie Cenno

Lo sviluppo di costumi teatrali per il teatro, l’opera o il balletto e i suoi anni di collaborazione - alla Comédie Française di Parigi, al Kammerspiele di Monaco o all'Opera Nazionale di Zurigo - le hanno permesso di affinare la conoscenza del corpo e del movimento. Stendersi, respirare, prolungare i propri gesti, contrarre le proprie membra ... rilassarsi, respirare. Il teatro è la scuola del gesto, il gioco degli atteggiamenti e della finzione, il regno dell'imitazione, del mimetismo. Il costume è un personaggio vivente che accompagna ogni attore nella storia di un personaggio e nella narrazione di una personalità. Cecile impara l'alfabeto del taglio e della materia, prima di lasciarsi guidare verso la pura creazione tessile.

Laureata nel 1998 e dopo oltre 20 anni di pratica e la creazione di un archivio infinito di punti e intrecci, il lavoro di Cécile Feilchenfeldt non è solo l’opera in sé ma il cuore della tecnica. Quello che il lavoro a maglia - pratica popolare pluricentenaria - rappresenta per lei è che è stato soprattutto un modo di espressione e sostentamento per più generazioni di donne. Come una canzone, la tecnica viene trasmessa oralmente da madre a figlia - o dalla nonna alla nipote, come nel caso di Cecile la cui nonna le ha tramandato la tecnica.

Cécile Feilchenfeldt © Aurélie Cenno

Una canzone, un coro, un mantra. Lo squillo regolare degli aghi, sia che siano solo due o 360 - come sulle macchine da maglieria semiautomatiche che scandiscono il lavoro di Cecile. Un punto nel punto, un punto a testa in giù e si ricomincia. Sistematico, ripetitivo. Pezzo dopo pezzo, riga dopo riga, la pratica della maglia è meditazione senza fine che corre lungo il filo della vita - che deriva dal filo della vita. Un modo per occupare il tempo, per lavorare autonomamente - ma soprattutto per gli altri. Un tempo, un'attività che dedichiamo a coloro che amiamo e che ci circondano.

E quelli che Cécile Feilchenfeldt ama sono i grandi designer di moda. Walter Van Beirendonck, Bless, Lutz Huelle e molti altri. Apprezzare il loro lavoro, comprendere il loro approccio, adattando la sua tecnica alle loro idee. Rispettare la loro visione, interpretare le loro intuizioni, i desideri, saper anche precedere, anticipare le loro esigenze per creare la sorpresa e la novità. La rete di Cécile è sapere come regolare la tensione e attirare l'attenzione. In concerto con i creatori e gli atelier, immagina tessuti a volte fluidi, a volte rigidi; articolati, elastici, colorati, psichedelici.

PM © Aurélie Cenno

Ripetere ancora e ancora, ricercare  un punto, un ritmo, una serie di materiali e colori, per perfezionare l'armonia. Seduta dietro il suo strumento, nel suo studio di Parigi, lavora a maglia creazioni che sfilano in prima linea nelle capitali della moda; Parigi, Milano, New York, Londra.

Come un direttore, guida la sua orchestra. Trasmette ciò che gli è stato trasmesso. "Lavoro piuttosto con le orecchie che con gli occhi", rivela, "Spiego alle persone che lavorano con me che è assolutamente necessario ascoltare e capire la maglia dal suono".

 

 

> Torna all'inizio

Puoi vedere anche

Tonnerre de Belt - Les Tissages de Charlieu @Inventaire Made in France

TONNERRE DE BELT
TESSERE DEI FORTI LEGAMI

Objets

Tonnerre de Belt è un giovane brand di cinture, che ha la particolarità di essere nato nella bottega di un produttore tessile in quanto uno dei suoi due fondatori, Amélie Gâcon, lavora parallelamente per l’azienda Les Tissages de Charlieu.

28 marzo 2015

Puisqu’on vous dit
que c’est possible

Arts

“Puisqu’on vous dit que c’est possible” prende in prestito il nome dall’omonimo cortometraggio di Chris Marker sul caso Lip nel 1973 (sciopero che ha avuto luogo nella fabbrica di orologeria Lip, ndr), momento clou della memoria operaia della cittadina di Besançon.

Vetreria La Rochère La Magia del vetro

Vetreria La Rochère
La Magia del vetro
[Made in Town TV]

Arts

Per promuovere il saper-fare e le caratteristiche della vetreria La Rochère, che si trova in Passavant-la-Rochère nel dipartimento francese della Haute-Saône, Made in Town ha condotto una serie di quattro brevi video girati nel cuore dei laboratori della società.