10/mag/2016

Design for Peace
TRANSUMANZA

Léandra Ricou
Design for Peace<br/>TRANSUMANZA

Credits: Design for Peace

PRESENTAZIONE

TRANSHUMANCE
DESIGN FOR PEACE

Dal 20 maggio al 23 luglio 2016
da martedì a sabato
dalle ore 14.00 alle 19.00

Vernissage
Venerdì 20 maggio 2016
a partire dalle 18.00

Made in Town
58 rue du Vertbois
75003 Paris

Design for Peace presenta presso Made in Town la sua prima collezione di oggetti decorativi e accessori di moda, Transhumance, risultato di sette settimane di lavoro tra diciassette artigiani Tuareg provenienti dal Mali e rifugiati in Burkina Faso, e sei giovani designer francesi, riuniti in una residenza a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso.

Iniziato nel 2015 dall'associazione Afrika Tiss, sotto la guida dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), il progetto Design for Peace ha come obiettivo quello di migliorare l'autonomia e l'integrazione degli artigiani rifugiati in Burkina Faso, valorizzando le loro competenze e rafforzando la loro capacità a contatto con gli artigiani locali. In un contesto globale in cui l'afflusso di rifugiati continua a crescere, Design for Peace si propone di fare dell’artigianato una leva di sviluppo sociale ed economico per queste popolazioni vulnerabili, offrendo così la possibilità di percepire i rifugiati non più come minaccia per la sicurezza, ma come un vero e proprio pool di talenti.

Credits: Design for Peace

Tra marzo e aprile 2016, la residenza ha riunito diciassette artigiani Tuareg e sei giovani designer francesi, giovani professionisti o studenti, in seguito a un lungo processo di selezione in Francia e in Burkina Faso. Grazie all'opportunità di incrociare le culture e sperimentare nuovi saper fare, la collezione Transhumance presenta diverse novità tecniche: l’intarsio Palmyra (grazie alla palma originaria delle regioni tropicali di Africa sahariana) o la tessitura di fibre vegetali e della gomma, tra le altre.

Credits: Design for Peace

Tra marzo e aprile 2016, la residenza ha riunito diciassette artigiani Tuareg e sei giovani designer francesi, giovani professionisti o studenti, in seguito a un lungo processo di selezione in Francia e in Burkina Faso. Grazie all'opportunità di incrociare le culture e sperimentare nuovi saper fare, la collezione Transhumance presenta diverse novità tecniche: l’intarsio Palmyra (grazie alla palma originaria delle regioni tropicali di Africa sahariana) o la tessitura di fibre vegetali e della gomma, tra le altre.

Credits: Design for Peace

Dal 2012, il Burkina Faso è uno dei primi paesi a ospitare i rifugiati in fuga dal conflitto in corso nel Mali. I campi di Goudebou e Mentao, nel nord del Burkina Faso, raccolgono più di 20.000 persone, per lo più Tuareg, in condizioni di vita precarie. Prevalentemente agricoltori, sono tanti i Tuareg che praticano un’attività artigianale, ma hanno grandi difficoltà a vendere i loro prodotti o a investire in materie prime di alta qualità.

Credits: Design for Peace

Gli artigiani coinvolti sono destinati a diventare a loro volta dei formatori per trasmettere ad altri artigiani  le tecniche e i requisiti necessari per la riproduzione qualitativa dei prototipi realizzati durante la residenza. In ultima analisi, Design for Peace ha in programma di coinvolgere più di 200 artigiani locali e di rifugiati in questo processo di produzione virtuoso che consente loro l'accesso ai circuiti di distribuzione di alta gamma, in particolare a livello regionale e internazionale.

Come sottolinea Mariette Chapel, fondatrice di Afrika Tiss, il Burkina Faso è il primo passo di un viaggio di solidarietà che l'associazione vuole continuare a sviluppare in altre regioni che si confrontano con un grande afflusso di profughi, senza alcuna prospettiva immediata di ritorno nel loro paese.

I pezzi della collezione Transhumance sono esposti a Parigi, presso Made in Town, prima di essere esibiti presso l'Istituto francese a Ouagadougou, dal 3 giugno al 10 Luglio 2016.

 

Credits: Design for Peace

Con la partecipazione di: Cathy Amouroux, stilista e grafica, Marta Bakowski, designer di prodotto, Adrien Leroux, designer e ebanista, Pierre Murot, designer di prodotto, Oriane Pereira Lino, designer tessile e ricamo, Claire Tingaud, designer tessile, tessitura e ricamo, Ousmane Ag Agafane, cuoio e bigiotteria, Hado Wt Sidia, cuoio, Bintou Wt Mohamed, cuoio, Mohamed Youssouf Ag Sidi, cuoio, Waneibi Ag Elmehdi, cuoio e bigiotteria, Hadijata Wt Agali, vimini, Fadimata Wt Agali, cuoio, Sidi Mohamed Ag Elmehdou, orefice, Mohamed ou Bebe Ag Moha, cuoio e bigiotteria, Abdoulaye Ag Alassane, cuoio e metalli, Assadek Ag Egless, cuoio, legno e metalli, Fadimata Wallet Houssa, cuoio, Aïchalala Wallet Zahit, intrecciatura e vimini, Iss Ag Egless, cuoio, legno e metalli, Aïcha Wallet Mohamed, pittura, Issa Ag Maha, cuoio, legno e metalli, Oumar Ag Agali, cuoio e legno, Zeinabou Wallet Hakimou, cuoio.

Afrika Tiss in partnership con: UNHCR, Centre for Culture and Developement (CKU), Ecole Boulle, Institut français, Made in Town, D’Days, Ysomer, Les Filles du Facteur / Facteur Céleste, Moonlook, Tiss&Tik, Sok’Sabaï.

 

designforpeace.org

> Torna all'inizio

Puoi vedere anche

Processus

PROCESSUS
UN VENTO DI FRESCHEZZA VENUTO DAL LITORALE

Vêtements

Dopo una formazione in fashion design e un diploma di perito tessile con specializzazione in ricamo a Parigi, Gabrielle Legall, originaria di Finistère, ha lasciato la capitale e si è stabilita a Nantes e nel 2016 ha lanciato la sua marca Processus.

Otherways, quello che tramono le catene dell'Himalaya
Dal 5 settembre al 28 ottobre 2017

Otherways
quello che tramono
le catene dell'Himalaya

Objets

Delphine Randet ha soggiornato più volte per più di 5 anni a Kathmandu. Ha lavorato per un'ONG fondando un laboratorio tessile in un centro di riabilitazione. Nel 2017 ha creato la marca Otherways, basandosi sulla sua esperienza di 15 anni nel mondo della moda all'interno dei gruppi LVMH e Kering.

Vetreria La Rochère La Magia del vetro

Vetreria La Rochère
La Magia del vetro
[Made in Town TV]

Arts

Per promuovere il saper-fare e le caratteristiche della vetreria La Rochère, che si trova in Passavant-la-Rochère nel dipartimento francese della Haute-Saône, Made in Town ha condotto una serie di quattro brevi video girati nel cuore dei laboratori della società.