22/ago/2017

Otherways
quello che tramono
le catene dell'Himalaya

Jean-Philippe Trapp
Otherways <br/>quello che tramono<br/>le catene dell'Himalaya

SHOWROOM

OTHERWAYS

QUELLO CHE TRAMANO LE CATENE DELL'HIMALAYA

Dal 5 settembre al 28 ottobre 2017

da martedì a sabato

dalle 14.00 alle 19.00

o su appuntamento

Vernissage

venerdì 8 settembre

dalle 18.00 alle 21.00

Made in Town

58, rue du Vertbois

75003 Paris

Delphine Randet ha soggiornato più volte per più di 5 anni a Kathmandu. Ha lavorato per un'ONG fondando un laboratorio tessile in un centro di riabilitazione. Nel 2017 ha creato la marca Otherways, basandosi sulla sua esperienza di 15 anni nel mondo della moda all'interno dei gruppi LVMH e Kering. La prima collezione di Otherways è presentata in esclusiva a Parigi presso Made in Town.

Per il suo lancio, Otherways propone una collezione inedita, ispirata ai motivi geometrici delle coperte tradizionali nepalesi e tibetane, che evidenzia la ricchezza del patrimonio locale attraverso una proposta grafica e colorata di coperte, plaid e sciarpe tessute in lana yak e cammello.

 

Otherways ci racconta ognuno degli elementi che hanno contribuito alla realizzazione di ciascun articolo sotto forma di una narrazione avventurosa, la cui trama si articola intorno al fatto a mano e ci fa attraversare la catena montuosa dell’Himalaya, alla ricerca di risorse naturali e umane dei territori nepalesi e tibetani.

Questa “via della lana” ci porta inizialmente ad attraversare le montagne tibetane, fino ai confini dell'Himalaya, dove gli yak selvatici e domestici perdono i loro peli in modo naturale in primavera, facilitando così la raccolta di fibra necessaria a tessere i pezzi. Più a nord, il deserto del Gobi è la terra che ospita i cammelli della Mongolia il cui commercio della lana aiuta a preservare questa specie rara e protetta.

Il viaggio prosegue in un atelier nepalese di 30 artigiani che, guidati dalle loro mani esperte, intervengono con cura in tutte le fasi del processo di produzione: la lavorazione dei fili, la loro tintura, la tessitura – jacquard o classica a seconda della complessità dei disegni rappresentati – e, infine, le finiture, l'imballaggio e l'etichettatura dei prodotti.

Queste lane calde e morbide prodotte da yak e cammelli, di una finezza paragonabile a quella del cashmere, apportano un tocco e una comodità impagabile, e rendono i pezzi Otherways dei prodotti autentici, unici e di alta fattura.

otherways.fr

> Torna all'inizio

Puoi vedere anche

L'Atelier du Relieur, a touch of gold, Made in Town

L'Atelier du Relieur
a touch of gold

Objets

Situato nel centro di Ginevra, l'Atelier du Relieur si occupa dal 2009 di qualsiasi tipo di lavoro riguardante la rilegatura, la cartonatura, la doratura o il restauro di opere editoriali per conto di clienti pubblici e privati.

MOY Il Giappone Made in Troyes
25 feb. al 29 marzo 2014

MOY
Il Giappone Made in Troyes

Vêtements

Made in town ospita la prima collezione di Moy per la presentazione di una serie di t-shirt che si avvale delle competenze di lavoro del laboratorio Chanteclair che le ha confezionate a Troyes. Progettate da Yasco Otomo, stilista giapponese ormai residente a Parigi da più di un decennio, sono la rivisitazione della tradizionale maglieria francese.

Vetreria La Rochère La Magia del vetro

Vetreria La Rochère
La Magia del vetro
[Made in Town TV]

Arts

Per promuovere il saper-fare e le caratteristiche della vetreria La Rochère, che si trova in Passavant-la-Rochère nel dipartimento francese della Haute-Saône, Made in Town ha condotto una serie di quattro brevi video girati nel cuore dei laboratori della società.