20/ott/2015

Made in Town
Montagne Noire

Léandra Ricou
Made in Town<br/>Montagne Noire

MOSTRA

MADE IN TOWN / MONTAGNE NOIRE

Dal 21 ottobre 2015 al 13 febbraio 2016
da lunedì a venerdì
dalle ore 14.00 alle 19.00

Vernissage
Mercoledì 21 ottobre 2015
a partire dalle 18.00

Made in Town
58 rue du Vertbois
75003 Paris

Made in Town rompe il tran-tran quotidiano e va in trasferta nella regione dei Midi-Pirenei nel sud della Francia, continuando il suo impegno nella promozione dei saper fare e delle produzioni locali, rafforzando il legame tra il pubblico e i produttori. La mostra Made in Town / Montagne noire è presentata in anteprima alla fiera economica di Castres.

Made in Town / Montagne Noire

Sedici laboratori situati nei pressi della Montagna Nera mettono in mostra il loro saper fare attraverso una selezione di oggetti per far scoprire la produzione contemporanea. Attraverso la tecnica e l'esperienza come punti di partenza, Made in Town / Montagne noire mette in evidenza le esperienze particolari che danno vita alla produzione e formano il carattere degli uomini.

Selezionati da Made in Town in base a criteri di qualità, autenticità, innovazione e diversità, questi artigiani e industriali, che lavorano a mano o a macchina, offrono nuove opportunità all’economia locale e rivitalizzano il territorio, da cui traggono ispirazione e materie prime.

Un paesaggio ricco di contrasti

Nei paesi del sud della Francia, ai confini dei dipartimenti del Tarn, dell’Aude e dell’Haute-Garonne, si trova la Montagna nera, ultimo rigonfiamento meridionale del Massiccio Centrale. La sua massa di colore verde scuro, la Montagna nera, in parte compresa nel Parco naturale della regione della Haut Languedoc, domina i paesaggi ricchi di grande contrasto e incontaminati del Cabardès, a sud, Minervois a est e Lauraguais, a ovest.

 

Credits: Mapp'Rando

Massiccia su entrambi i lati, con i suoi due versanti, la Montagna nera è limitata dalla dolcezza del mare  a nord e dall’aridità mediterranea al sud. Il Pic de Nore, la sua vetta, super ai 1200 metri di altezza. Il Pic de Nore il suo picco, picco a oltre 1200 metri di altitudine. Da un lato, la distesa infinita della grande pianura di Tolosa, dall'altro, le prime onde del Mar Mediterraneo e la silhouette vestita di bianco dei Pirenei. Panorama inespugnabile.

Nel corso della storia

La fama del know-how tessile della regione dei Midi-Pirenei risale al Medioevo. L'abbondanza di greggi, l'onnipresenza di acqua per il lavaggio della lana e che consentiva di apportare l'energia idraulica necessaria per azionare i mulini, la presenza di coloranti naturali quali la cocciniglia e la robbia e, infine,  un paesaggio non favorevole all’agricoltura - rilievi contrastanti su suoli poveri che hanno costrettogli abitanti a dedicarsi ad altre attività - spiegano lo sviluppo della lavorazione della lana nella regione. Inizialmente sviluppato per fini domestici, questo artigianato tessile cominciò la sua transizione industriale nel tardo XXVII secolo.

Credits: Mapp'Rando

E’ a metà del XIX secolo che gli abitanti di Mazamet sviluppano un processo di produzione del calore  per favorire la fermentazione della pelle di pecora, al fine di consentire l'apertura dei pori e quindi il rilascio della lana senza danneggiare il cuoio. Per quasi 150 anni, fino al primo scossone petrolifero, nulla metterà in discussione l'egemonia Mazamet nella conceria. Se oggi il ronzio delle macchine  industriali si è ridotto, la Montagna nera nasconde ancora sui suoi versanti una straordinaria ricchezza di competenze artigianali e industriali.

Made in Town / Montagne noire è il primo passo di un percorso esplorativo che disegna una cartografia della fabbricazione.

 

Anteprima

Fiera economica di Castres

Stand Communauté d’agglomération de Castres-Mazamet

Dal 18 al 27 settembre 2015

Vernissage : venerdì 18 settembre 2015 dalle ore 19.00

 

Made in Town / Montagne Noire ha ricevuto il sostegno della Communauté d’agglomération de Castres-Mazamet.

Con la partecipazione dei seguenti artigiani e industriali: ARTS DE FRONZE / ceramica, BAZANE / coltelleria, falegnameria, ATELIER DU MOUSCAILLOU / pelletteria, CAP DAL MAS / falegnameria, DOMINIQUE THOMAS / ceramica, ETS. HENRI PLO / appretti, tinture, FAUNE / pelletteria, LAURENT FOULCHÉ / pelletteria, bauli, LE FIL AMALRIC / filatura, LE PASSE-TRAME / tessitura, LES ARDOISIERS / ardesia, LES TOILES DE LA MONTAGNE NOIRE / biancheria per la casa, MISSÈGLE / maglificio, PAGÈS INOX / produzione di caldaie, PARLONS PIERRE / tagliatori di pietra, PIC DE NORE / maglificio.

 

 

> Torna all'inizio

Puoi vedere anche

KARINA BISCH  IL CONFINE TRA ARTE E ARTIGIANATO

Karina Bisch
IL CONFINE
TRA ARTE E ARTIGIANATO

Arts

Nata nel 1974, Karina Bisch è un’artista visiva francese che vive e lavora a Parigi. Dopo un master in Arti Visive presso la Sorbona, ha continuato la sua formazione all’Ecole nationale supérieure des Beaux-Arts di Parigi, dove si è laureata nel 2000.

Otherways, quello che tramono le catene dell'Himalaya
Dal 5 settembre al 28 ottobre 2017

Otherways
quello che tramono
le catene dell'Himalaya

Objets

Delphine Randet ha soggiornato più volte per più di 5 anni a Kathmandu. Ha lavorato per un'ONG fondando un laboratorio tessile in un centro di riabilitazione. Nel 2017 ha creato la marca Otherways, basandosi sulla sua esperienza di 15 anni nel mondo della moda all'interno dei gruppi LVMH e Kering.

Vetreria La Rochère La Magia del vetro

Vetreria La Rochère
La Magia del vetro
[Made in Town TV]

Arts

Per promuovere il saper-fare e le caratteristiche della vetreria La Rochère, che si trova in Passavant-la-Rochère nel dipartimento francese della Haute-Saône, Made in Town ha condotto una serie di quattro brevi video girati nel cuore dei laboratori della società.