17 dic 2015

Le Fil Amalric
PER SEGUIRE
IL FILO DELLA STORIA

Léandra Ricou
LE FIL AMALRIC PER SEGUIRE IL FILO DELLA STORIA

In qualche modo, il plaid Montagne Noire, un mix esclusivo di lana e canapa, è il risultato dell’incrocio di competenze e del lavoro di collaborazione tra quattro atelier locali: Le Fil Amalric, Ets. Henri Plo, Le Passe-Trame et Faune. In vendita presso l’e-commerce Made in Town. Credits: Wire Amalric.

Il dipartimento del Tarn è considerato il paese della filatura cardata – poiché si producono dei fili di lana molto spessa. Specialista di questa tecnica, Emmanuel Amalric partecipa così alla conservazione di questo saper fare di un territorio che fu un tempo un centro laniero di fama internazionale.

E' a Fréjeville, non lontano dalla cittadina di Castres, che Emmanuel Amalric decide di riprendere il filo della storia di Etablissements Maurice Amalric, fondata da suo nonno, uno dei più grandi filatori della regione dei Midi-Pirenei. Basandosi sulla sua comprovata esperienza - 25 anni – in merito alla cardatura della lana, crea nel 2005 la società Le Fil Amalric e si circonda di una rete di aziende partner, tutte specializzate nella lavorazione della lana.

Emmanuel acquista la materia prima, lana e fibre pregiate, che dà da trasformare ai suoi partner, per poi rivendere il filato cardato a tessitori e magliai. Trasmette quotidianamente l’esperienza del proprio saper fare ai partner che sono ormai i garanti della produzione. A Roquecourbe - che si trova a circa dieci chilometri da Fréjeville – Les Textiles de Garrot, laboratorio di cui è azionista, si occupa della filatura. La tintura o gli appretti sono spesso fatti in collaborazione con laboratori a Henri Plo a Aussillon.

Le Fil Amalric propone un catalogo di fili ecru o tinti, con una preferenza per le fibre naturali, completata da un'offerta di prodotti finiti come guanti, cappelli, sciarpe, calze, maglioni. La lana utilizzata è la Merinos d’Arles, una razza di pecore risultante dall’incrocio di pecore locali e di pecore merinos spagnole, praticata nel XIX secolo. Riconosciuta per la sua qualità e la estrema finezza, una delle più belle d’Europa. Emmanuel sottolinea: «C'è una vera e propria richiesta di fibre naturali, prodotti nobili, portatori di una storia.» E’ proprio in risposta a questa particolare richiesta che Le Fil Amalric, in stretta collaborazione con Ets. Henri Plo, ha creato un connubio di fibre inedite: la lana Merinos d’Arles e canapa, che costituiscono tutta la morbidezza del plaid Montagne Noire.

Le Fil Amalric partecipa al progetto Made in Town / Montagne Noire presentato dal 21 ottobre 2015 al 13 febbraio 2016 a Parigi presso Made in Town.

> Torna all'inizio

Puoi vedere anche

Fortuny, pittore di abiti

Fortuny
pittore di abiti

Vêtements

Il Museo Galliera dedica per la prima volta in Francia una mostra a Mariano Fortuny (Granada, 1871 - Venezia, 1949) che, come Leonardo, era un artista completo: inventore, pittore, fotografo, creatore, collezionista e un amante dell'arte, a volte anche descritto come un alchimista della moda.

Made in Town Montagne Noire
Dal 21 ottobre 2015 al 13 febbraio 2016

Made in Town
Montagne Noire

Objets

Made in Town rompe il tran-tran quotidiano e va in trasferta nella regione dei Midi-Pirenei nel sud della Francia, continuando il suo impegno nella promozione dei saper fare e delle produzioni locali, rafforzando il legame tra il pubblico e i produttori. La mostra Made in Town / Montagne noire è presentata in anteprima alla fiera economica di Castres.

Vetreria La Rochère La Magia del vetro

Vetreria La Rochère
La Magia del vetro
[Made in Town TV]

Arts

Per promuovere il saper-fare e le caratteristiche della vetreria La Rochère, che si trova in Passavant-la-Rochère nel dipartimento francese della Haute-Saône, Made in Town ha condotto una serie di quattro brevi video girati nel cuore dei laboratori della società.