03 nov 2015

IL RITORNO ALLE FONTI

Pascal Gautrand
IL RITORNO ALLE FONTI

Il torrente Arnette. Credit: Mapp'Rando.

La società consumistica starebbe entrando nell'età della maturità? Data l'eccessiva produzione di oggetti standardizzati, importata a basso costo, i modelli di consumo stanno subendo profondi cambiamenti. Consumare meno per consumare di più... Noi siamo ciò che mangiamo...

Dalla metà degli anni '90, i consumatori hanno preso coscienza che le loro scelte di consumo possono influenzare l’etica sociale e ambientale dei produttori. Il consumo responsabile è semplicemente una moda passeggera o il  segnale di una presa di coscienza sociale?

In una società satura di offerte, possedere non è più la questione principale del consumismo. Il valore fondamentale degli oggetti non è più limitato alla loro semplice materialità: sempre più spesso, è simbolico ed è il loro valore intrinseco che fa la differenza.

Sempre più esigenti e informati attraverso Internet, i consumatori del XXI secolo - spesso chiamati "Consum’attori" - sono più che mai in grado di punire i prodotti usa e getta e standardizzati che non riportano le loro condizioni di produzione con trasparenza; e con lo stesso spirito, intendono promuovere le produzioni locali, la cui storia, la cultura e la vicinanza geografica, sono in relazione diretta con i propri valori civici.

Il consumo diventa - per una parte sempre più ampia della società - un modo per eleggere i produttori più vicini alle loro affinità culturali ed etiche. La consapevolezza dei consumatori, a livello globale, che il consumo sfrenato è un vicolo cieco per il progresso sociale e ambientale, è uno dei principali asset per lo sviluppo economico delle piccole e medie imprese locali.

In questo contesto, saper produrre un prodotto di qualità non è sufficiente, i produttori devono anche imparare a esprimere i loro valori e le caratteristiche dei loro prodotti. Occorre saper dar loro visibilità e raccontare la propria storia per portare alla luce le specificità delle proprie produzioni.

Se il consumatore responsabile è un vero e proprio motore per l'economia locale, la questione cruciale per gli imprenditori e produttori locali è di saper mostrare e dimostrare con trasparenza e convinzione le loro scelte e gli impegni che conferiscono ai prodotti un fattore competitivo imbattibile.

> Torna all'inizio

Puoi vedere anche

UNA SINERGIA FRANCESE (LA NATURA DEL COLORE)

UNA SINERGIA FRANCESE
(LA NATURA DEL COLORE)

Objets

Una sinergia francese è un nuovo progetto sostenuto dal duo parigino di designer tessili Ki Fabrik (Isabelle Rodier e Clement Bottier) in collaborazione con Patrick e Isabelle Brenac, ingegneri sviluppatori di coloranti naturali a capo di Green’ing, e gli industriali Le Fil Amalric, Ets. Henri Plo e Le Passe-Trame, intorno all’idea della creazione e produzione di una linea di tessuti per la casa, che mette in atto l’industrializzazione del colore basandosi sulle competenze di ciascuno.

DESIGN FOR PEACE Transhumance
Dal 20 maggio al 23 luglio 2016

Design for Peace
TRANSUMANZA

Objets

Design for Peace presenta presso Made in Town la sua prima collezione di oggetti decorativi e accessori di moda, Transhumance, risultato di sette settimane di lavoro tra diciassette artigiani Tuareg provenienti dal Mali e rifugiati in Burkina Faso, e sei giovani designer francesi, riuniti in una residenza a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso.

Vetreria La Rochère La Magia del vetro

Vetreria La Rochère
La Magia del vetro
[Made in Town TV]

Arts

Per promuovere il saper-fare e le caratteristiche della vetreria La Rochère, che si trova in Passavant-la-Rochère nel dipartimento francese della Haute-Saône, Made in Town ha condotto una serie di quattro brevi video girati nel cuore dei laboratori della società.