15 dic 2015

Fabien Cluzel
DALLA GEOLOGIA AL DESIGN

Credits: Mapp'Rando

E’ un fatto poco noto: i geologi e i geografi sono divisi sull’esatto perimetro della Montagna Nera. Per i primi, questa si sviluppa a ovest e a nord per raggiungere Castres e abbracciare Lacaune e Sidobre. Per gli altri, si limita al perimetro culturale e turistico che tradizionalmente le si associa.

Tuttavia, da un punto di vista strettamente geologico, la Montagna Nera è la punta meridionale del gigantesco altopiano del Massiccio Centrale, che spinge le sue pendici fino alla Linguadoca. È questa punta che, a seguito della formazione dei Pirenei e alla fusione della placca iberica, si è piegata alla fine dell'Eocene, circa trenta milioni di anni fa.

Come quella di Thomas Mann, questa montagna è magica. Rari sono, infatti, i massicci ricchi di così tante sfaccettature e climi. Tuttavia non si tratta di un miracolo, ma di una disposizione naturale fra tre vaste aree associate ai due versanti: un lato a nord-ovest (Monti di Sorézois e di Lacaune), un lato a sud est (Monti del Pardailhan, di Cabrières, di Faugères e di Minervois), e, infine, tra i due, una zona qualificata come secca (Massicci di Angles, di Lampy-Martys, i Monti di Saint-Gervais e la vetta della Montagna nera, il famoso Pic de Nore).

 

Panorama sulla Montagna nera

E’ in questo insieme complesso che il tempo e i movimenti della crosta terrestre hanno formato il tessuto minerario che ci protegge dalla furia del suo ventre vulcanico: granito, ardesia, marmo, pietra arenaria, calcare, quarzite, ma anche minerali preziosi oggi ormai esauriti. L'ultima miniera d'oro francese si è spenta a Salsigne dans l’Aude, circa dieci anni fa. La montagna per secoli elargì anche argento, rame e arsenico. Anche i romani ne estrassero ferro e piombo.

E così gli uomini, rifiutando di rassegnarsi all’oblio dei saper fare, continuano ancora oggi a estrarre materie prime che porteranno ricchezza.

 

> Torna all'inizio

Puoi vedere anche

Béatrice Valentine Amrhein Made in Valentine

Béatrice Valentine Amrhein
Made in Valentine

Arts

Béatrice Valentine Amrhein è un’artista plastica francese la cui opera si esprime principalmente attraverso la pittura, ma anche il disegno, la fotografia e le video installazioni.

DESIGN FOR PEACE Transhumance
Dal 20 maggio al 23 luglio 2016

Design for Peace
TRANSUMANZA

Objets

Design for Peace presenta presso Made in Town la sua prima collezione di oggetti decorativi e accessori di moda, Transhumance, risultato di sette settimane di lavoro tra diciassette artigiani Tuareg provenienti dal Mali e rifugiati in Burkina Faso, e sei giovani designer francesi, riuniti in una residenza a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso.

Vetreria La Rochère La Magia del vetro

Vetreria La Rochère
La Magia del vetro
[Made in Town TV]

Arts

Per promuovere il saper-fare e le caratteristiche della vetreria La Rochère, che si trova in Passavant-la-Rochère nel dipartimento francese della Haute-Saône, Made in Town ha condotto una serie di quattro brevi video girati nel cuore dei laboratori della società.