27 ott 2016

UNA SINERGIA FRANCESE
(LA NATURA DEL COLORE)

Léa Liabastre
UNA SINERGIA FRANCESE (LA NATURA DEL COLORE)

Xavier Plo, Eric Carlier e Clément Bottier durante la tessitura di un capo

 

GREEN’ING

Coloranti naturali

x

LE FIL AMALRIC

Filatura

x

ETS. HENRI PLO

Finissaggi e tinture

x

LE PASSE-TRAME

Tessitura

x

KI FABRIK

Isabelle Rodier e Clément Bottier

Designer tessili e colore

 

Con il supporto di Made in Town e Startex

 

Una sinergia francese è un nuovo progetto sostenuto dal duo parigino di designer tessili Ki Fabrik  (Isabelle Rodier e Clement Bottier) in collaborazione con Patrick e Isabelle Brenac, ingegneri sviluppatori di coloranti naturali a capo di Green’ing, e gli industriali Le Fil Amalric, Ets. Henri Plo e Le Passe-Trame, intorno all’idea della creazione e produzione di una linea di tessuti per la casa, che mette in atto l’industrializzazione del colore basandosi sulle competenze di ciascuno.

Dal filo al colorante, dalla tintura alla tessitura, questo progetto si radica nella volontà di riunire differenti unità di produzione di una filiera interamente francese, compresi gli attori del settore industriale (filatura, tessitura e finissaggio) che sono basati principalmente nel dipartimento di Tarn, ai piedi della Montagna Nera. Inizialmente guidati da Made in Town, gli incontri tra i designer parigini e i produttori tessili di Tarn hanno beneficiato anche del supporto di Startex, il progetto di innovazione tessile regionale guidato dall’Unione delle industrie tessili del Sud.

La prima fase del progetto è la campionatura di coloranti naturali effettuati sul "Mérichan", un filo creato da Emmanuel Amalric partendo da fibre francesi (80% di lana Merinos e 20% di canapa). Generalmente, ogni tipo di fibra possiede un proprio protocollo di tintura e questa miscela intima e insolita di fibre animali e vegetali migliora in particolare la profondità e le tonalità di colore grazie a uno studio sulla colorazione realizzato specificamente da Green'ing.

Fili tinti in forma conica da Etablissements Henri Plo

La gamma di cuscini, di plaid e di campioni tessuti che ne derivano valorizza le risorse locali e le conoscenze intersettoriali per dimostrare che il colore naturale potrebbe avere il suo posto in un contesto industriale e consentire la produzione di un risultato estetico e colorato di alta qualità.

Plaid in fase di tessitura, fili di canapa e lana merinos tinti con coloranti naturali

 

> Torna all'inizio

Puoi vedere anche

ETS. HENRI PLO LA MONTAGNA NERA SI COLORA

Ets. Henri Plo
LA MONTAGNA NERA
SI COLORA

Vêtements

Da cinque generazioni, la società Henri Plo, azienda familiare fondata ad Aussillon - vicino Mazamet - e diretta da Xavier Plo, è specializzata nel finissaggio tessile. All'interno della catena di produzione, interviene nelle operazioni di colorazione (tintura) e di finitura (appretto).

l'industrializzazione del colore naturale

L'INDUSTRIALIZZAZIONE
DEL COLORE NATURALE

Vêtements

In tutto il mondo oggi, i processi di tintura naturale sono al centro di dibattiti e discussioni nel campo del design tessile. Fondati sulla base di una varietà di ricette artigianali, spesso acquisite e trasmesse oralmente nel corso del tempo, questi procedimenti utilizzano metodi complessi che richiedono conoscenze trasversali di numerose discipline come la botanica, la geologia, la fisica o la chimica.

LE FIL AMALRIC PER SEGUIRE IL FILO DELLA STORIA

Le Fil Amalric
PER SEGUIRE
IL FILO DELLA STORIA

Vêtements

Il dipartimento del Tarn è considerato il paese della filatura cardata – poiché si producono dei fili di lana molto spessa. Specialista di questa tecnica, Emmanuel Amalric partecipa così alla conservazione di questo saper fare di un territorio che fu un tempo un centro laniero di fama internazionale.

LE PASSE-TRAME LA LANA COME FILO CONDUTTORE

Le Passe-Trame
LA LANA COME FILO CONDUTTORE

Vêtements

Eric Carlier, ex studente di legge la cui formazione probabilmente non presagiva un futuro da tessitore, ha fondato il laboratorio Le Passe-trame nel 1990 a Payrin-Augmontel, a pochi chilometri da Mazamet.