17 nov 2017

L'Atelier du Relieur
a touch of gold

Mathilde Clément
L'Atelier du Relieur, a touch of gold, Made in Town

Situato nel centro di Ginevra, l'Atelier du Relieur si occupa dal 2009 di qualsiasi tipo di lavoro riguardante la rilegatura, la cartonatura, la doratura o il restauro di opere editoriali per conto di clienti pubblici e privati.

La rilegatura richiede un sapere fare ancestrale, considerato già un'espressione artistica ai tempi dei Romani, che la squadra di artigiani de L'Atelier du Relieur continua a perpetuare.

All'età di 15 anni, Benjamin Carrat scopre un particolare interesse per la progettazione di un libro e dei materiali che lo compongono. Laureato nel 2008 presso Eracom, una scuola di Losanna che riunisce apprendisti rilegatori provenienti da tutta la Svizzera francese, ha acquisito il suo atelier poco tempo dopo aver terminato i suoi studi. Mosso da un sincero spirito di conservazione e salvaguardia delle opere, il suo obiettivo principale è la conservazione ottimale delle stesse. "Produciamo anche scatole per la loro conservazione, elementi essenziali per evitare alcuni danni causati da insetti, polvere ..."

 

Le tecniche di rilegatura non hanno conosciuto particolari evoluzioni dal XIX secolo a oggi e gli strumenti sono rimasti invariati, sebbene ogni artigiano abbia i suoi piccoli segreti di fabbricazione. “(...) la rilegatura francese è la prima tecnica che si conosca e che si è evoluta poi in  “rilegatura alla bradel”, sviluppata in seguito all’esaurimento delle materie prime dell’epoca. La differenza tra le due tecniche è che la rilegatura francese è fabbricata e montata direttamente sul corpo di lavoro (le pagine), mentre la rilegatura alla bradel viene eseguita in due parti, le pagine su un lato e la copertina dell'altro, che sono poi annodate insieme.

"Tradizionalmente, i rilegatori sono anche doratori. La tecnica della doratura -  con cui si incide il titolo in caratteri dorati sulla copertina - è semplice: si tratta di ricomporre la parola all'indietro, lettera per lettera, in un composter che viene riscaldato a 120 gradi. Successivamente occorre applicare il composter sulla copertina con loro."

 

Le fibre che compongono i materiali richiedono un'attenzione speciale. "Queste dovrebbero essere sistematicamente parallele alla parte posteriore del libro per una migliore apertura alla lettura ed evitare tensioni che causino strappi."

Tutte le materie prime utilizzate dall'atelier - carta, cartone, colla, tela, pelle e pergamena - provengono dalla Svizzera perché il "Made in Switzerland è molto importante per noi". Alcune di loro hanno proprietà atipiche per la rilegatura e sono accuratamente selezionate in base alle loro qualità intrinseche.

atelier-du-relieur-geneve.ch

> Torna all'inizio

Puoi vedere anche

Yannick Chanteclair Fondatore del Maglificio Chanteclair

Yannick Chanteclair
Fondatore del Maglificio Chanteclair

Objets

Storicamente, l'influenza della città di Troyes nel campo tessile nasce dallo sviluppo della maglieria industriale nel 1820 e che raggiunge il picco durante la metà del XX secolo. Molti maglieristi hanno dato i natali a famosi marchi francesi come Lacoste, Petit Bateau, o Dim. Anche se, per diversi decenni  una forte delocalizzazione ha notevolmente indebolito l'industria della maglieria locale, molte aziende rimangono ancora nella regione, come nel caso della maglieria Chanteclair. In occasione della presentazione della collezione di T-shirt MOY da Made In Town  abbiamo parlato con Yannick Chanteclair, fondatore e CEO della maglieria Chanteclair con sede a Troyes dal 1973.

Vetreria La Rochère La Magia del vetro

Vetreria La Rochère
La Magia del vetro
[Made in Town TV]

Arts

Per promuovere il saper-fare e le caratteristiche della vetreria La Rochère, che si trova in Passavant-la-Rochère nel dipartimento francese della Haute-Saône, Made in Town ha condotto una serie di quattro brevi video girati nel cuore dei laboratori della società.